Busti, basta strumentalizzazioni. Occorre uno scatto di responsabilità

0 Comments

Ho appreso con amara riflessione dai mass-media in merito ad un caseificio Toscano preso di mira e osannato dall’una e dall’altra parte politica. Perdonate la mia franchezza – ho sempre espresso pubblicamente la mia posizione – e sono qui a intervenire dietro sollecito di vari cittadini in merito a quanto sta accadendo ed io non posso altro che rispondere che è mia consuetudine  comprare da ogni produttore locale, a prescindere dal proprio marchio. Tale azienda, come le analoghe del settore, è depositaria del frutto del lavoro di ogni località e ad essa io devo il massimo rispetto, per il sudore del lavoro dei suoi dipendenti e per il raggiungimento dell’obiettivo del proprio prodotto, ma allo stesso tempo non condivido la pubblicizzazione di un unico marchio. Credo che ogni impresa della nostra amata Toscana meriti il massimo rispetto, meriti il massimo apprezzamento per l’ambiente in cui lavora e produce. Chiunque abbia lavoratori dipendenti, chiunque lavori con la tipica fatica e sudore di questo sistema produttivo non può che essere ammirato nella nostra Toscana e chiunque si rende partecipe di uno schieramento di bandiera fatto in modo pregiudiziale, non possa altro che portare ad un fallimento del nostro sistema produttivo.
Auspico che le polemiche cessino il prima possibile e possano i cittadini Toscani tornare a confrontarsi su programmi ed argomenti di spessore: noi come Forza Italia intendiamo confrontarci solo su questi argomenti, le polemiche non ci appartengono.

Roberto Sbragia

Assessore Forza Italia ai Lavori Pubblici del Comune di Cascina

Lascia un commento